Archive for the ‘turismo responsabile’ Category

turismo responsabile nell’appennino tosco-emiliano

wp-1464637192470.jpegAl termine dell’assemblea di AITR che ha rinnovato il suo direttivo triennale (compreso me) siamo andati a trovare due realtà socie nell’Appennino tosco-emiliano. 2 storie intense che fanno la differenza, situazioni che meritano di essere inserite nei vostri prossimi itinerari.
Continua a leggere

La Carta Italiana dell’Ospitalità Responsabile

carta italiaDopo un lungo lavoro collettivo, l’altro giorno all’assemblea nazionale dell’Associazione Italiana Turismo Responsabile (AITR) ho presentato la Carta che intende promuovere il turismo responsabile all’interno delle strutture ricettive.
Continua a leggere

dal direttivo programmatico nazionale di AITR

 

Prima di riprendere la narrazione del mio viaggio che ho dovuto sospendere il mese scorso per esigenze di studio e di lavoro, un post su cosa sto facendo in questi giorni.

logo_aitrL’Associazione Italiana Turismo Responsabile (www.aitr.org) si riunisce a Bologna per decidere le attività dei prossimi 3 anni.

Siamo oltre 20 persone giunte da tutta Italia qui all’albergo il Pallone, scelto non perché ha i lustrini ma perché fa dormire anche persone che hanno problemi con l’alloggio.

Un’iniziativa democratica, preparata coinvolgendo i circa 100 soci della base associativa, ognuno dei quali ha potuto proporre i futuri gruppi di lavoro e potrà entrarne a far parte.

Continua a leggere

Si parla sempre più di turismo responsabile

L’interesse verso il turismo responsabile cresce, grazie anche a un sapiente uso della rete telematica.

Si è appena conclusa l’interessante settimana dedicata al turismo responsabile, ospitata sulla piattaforma del sito di Ron Mader (planeta.com), che ha chiesto ai partecipanti di declinare cos’è per loro in pratica il turismo responsabile inviando degli esempi, in riferimento a questi atteggiamenti da avere: alternativo; generoso; creativo; empatico; curioso.  Sul sito http://planeta.wikispaces.com/rtweek2013 trovate i sunti delle varie giornate.

E’ invece ancora in corso di svolgimento su facebook la creazione di un abecedario del turismo responsabile,dalla A alla Z, che sarà discusso alla fiera di Berlino l’8 marzo. I partecipanti stanno discutendo di qual è la parola più rappresentativa per loro per ciascuna lettera dell’alfabeto. A oggi sono arrivati alla lettera P.

Continua a leggere

secondo giorno della settimana del viaggiare responsabile

E’ appena iniziata la seconda giornata della settimana del viaggiare responsabile, un’iniziativa internazionale che si sviluppa sul web grazie alle nuove tecnologie.

Non essendo un esperto di questi nuovi linguaggi sto annaspando in cerca di capire cosa fare, di sicuro il tema di oggi è : essere generosi.

Fra le tante possibilità per partecipare, c’è un invito è a fare almeno una delle seguenti azioni (o altre simili), un modo concreto per sentirsi vicini all’iniziativa.

Buona lettura, io intanto continuo la mia navigazione

p.s. per saperne di più, andate su http://planeta.wikispaces.com/rtweek2013

How to be generous … some ideas

Here is a mix of practical and wild ideas. Let us know what works for you!

Continua a leggere

Ok il prezzo è giusto. O no? turismo responsabile e prezzi

Ok, il prezzo è giusto. Ah sì?

Qual è il prezzo giusto in una transazione di turismo responsabile?, mi ha chiesto una socia l’altro dì.

Bella domanda, la cui risposta a pensarci bene non è affatto scontata. Si tende a associare spesso questo modo di intendere il turismo con un atteggiamento eticamente connotato, ma come si determina un prezzo giusto, quindi adeguato, in un mondo che è legato alla legge della domanda e dell’offerta, che con l’etica non va proprio d’amore e d’accordo? E chi lo determina? Sulla base di cosa?

Continua a leggere

I codici etici di condotta. Un po’ di storia e qualche riflessione

La storia dei codici di condotta parte dall’attivismo di organizzazioni laiche e religiose della società civile, passa per la presa di coscienza da parte dell’opinione pubblica e giunge a favorire riflessioni e elaborazione di codici, linee guida e altri documenti sia a cura di organismi sovranazionali che di singoli operatori.

Ne è testimonianza un documento quale il “Codice Etico per i Turisti”, risalente al 1975 e redatto durante la Conferenza Cristiana dell’Asia (CCA); contiene 12 punti dedicati agli atteggiamenti che i turisti devono avere in viaggio per non fare danni.
Continua a leggere